gaby-depp Gaby Depp

Questi racconti sono stati scritti appositamente per le sfide di Inkspired. Includo anche storie ispirate a temi proposti per sfide alle quali non ho partecipato. Alcuni di essi sono stati rivisti e corretti, mentre altri sono stati ampliati.


Kısa Hikaye Tüm halka açık. © Copyright © 2023 by Gaby Depp All rights reserved. No part of this book may be reproduced or used in any manner without written permission of the copyright owner except for the use of quotations in a book review. Images Copyright belong to the owner....

#premonizione #inseguendo-i-sogni #sogni
Kısa Hikaye
3
3.1k GÖRÜNTÜLEME
Devam etmekte
okuma zamanı
AA Paylaş

Il Tenente

La gente dice che il tempo può guarire qualsiasi ferita, ma cosa succede quando il tempo passa e alcune ferite sanguinano ancora. Aveva bisogno di guarire. Solo lui poteva capire la sua sofferenza, il suo desiderio, i suoi desideri, le sue speranze. Come poteva non farlo se era il suo angelo custode? L'ha sempre protetta. Hanno parlato numerose volte nei suoi sogni. Lui è sempre stato al suo fianco quando aveva bisogno di lui. Ha persino sentito la sua mano sulla spalla destra più di una volta. Nessuno capiva la loro connessione, ma lei sapeva che era vera e forte. Come poteva non essere forte se lei era la sua stessa carne e ossa? L'ha osservata da vicino e aveva bisogno di parlarle, ma questa volta doveva essere faccia a faccia. Doveva assicurarsi che stesse bene. E che non un futuro migliore di quello che aveva immaginato per lei se cambierà il corso della sua vita.

Foto: Mio nonno, il tenente Narciso Lazzarini a bordo del Sannino, 1936


Mi sono svegliata con un mal di testa. Ho provato ad alzarmi ma avevo le vertigini, un'infermiera mi ha detto di riposare. Qualcosa sembrava strano.

Mentre giacevo a letto pensavo al posto che avevo visto, era un'infermeria ma aveva un aspetto strano. Era vecchio ma allo stesso tempo nuovo. Vintage ma nuovo di zecca. Aprii gli occhi e cercai di dare un senso a ciò che avevo visto.

L'infermiera mi ha dato un bicchiere d'acqua. Le ho chiesto che data fosse. Probabilmente pensava che avessi detto giorno perché ha detto che era martedì. Sembravo confusa. Sentivo che il pavimento si muoveva, mi sentivo nauseata.

"Dove sono?" Ho chiesto.

L'infermiera mi guardò e disse con uno strano accento che prima non avevo notato: "Sei a bordo del Sannino".

Il 'Sannino', quel nome suonava familiare. Ma dove avevo già sentito quel nome? E, cosa più importante, cosa ci facevo su una nave? Salgo sulle navi solo quando faccio immersioni subacquee, ma non ricordo di essere stata in un viaggio subacqueo. Ho provato a pensare intensamente, l'ultima cosa che ricordavo era il ritorno a casa dal lavoro. Non ero in viaggio. Questo era strano. Forse dovrei chiedere all'infermiera in quale paese mi trovavo, o farla parlare per identificare il suo accento. Ma era ridicolo, sapevo di essere a Buenos Aires. In quale altro luogo avrei potuto essere?

La porta dell'infermeria si aprì ed entrò un soldato. La sua uniforme era diversa. Non riuscivo a riconoscerla come un'uniforme argentina. Ero sul set di un film? Era un sogno?

Quando l'infermiera gli disse che ero sveglia, parlava italiano. Il soldato le disse che avrebbe informato il suo tenente. Se questo era un sogno, era un campanello d'allarme: avrei dovuto guardare meno TV, mi stava influenzando il cervello. Non riuscivo più a distinguere la realtà dalla fantasia. Forse dovrei parlarne con il mio psichiatra durante la mia prossima seduta. Forse questo era un effetto collaterale delle medicine che stavo prendendo... Ho cercato di sedermi, l'infermiera mi ha aiutato e seduta appoggiando la schiena alla testata del letto, mi stava aiutando con dei cuscini quando la porta si apri di nuovo e vedi entrare un uomo con un lungo cappotto militare molto elegante. Lui sorrise...

Conoscevo quel sorriso... conoscevo quegli occhi limpidi e profondi... Ma non poteva essere... sapevo che 'lui' era stato a bordo del Sannino nel 1936... Era possibile? Stavo davvero sognando? Sembrava troppo reale per essere un sogno!

Balbettai quasi senza fiato: "S-sei tu? T-tu s-sei q-qui?" Sorrideva e mi guardava con occhi pieni di orgoglio...

Con gli occhi pieni d'amore, disse: "Sapevo che mi avresti riconosciuto! Di tutti i miei cari, sei sempre stata speciale. Mi sono davvero piaciuti i nostri discorsi, ma avevo bisogno di incontrarti faccia a faccia. Non aver paura ..."

"Perché dovrei avere paura? Sei sempre stato al mio fianco quando avevo bisogno di te. Ti cerco sempre quando ho bisogno di consigli. Sei il mio angelo custode!" Poi ho alzato la mano per raggiungerlo, "Questo non è un sogno, vero? Sei davvero qui, vero?"

Sorrise e disse: "Sì, stiamo insieme ma tu sei venuta da me, sei tu che sei venuta a trovarmi. Posso farti visita solo nei tuoi sogni".

"Ma non è solo nei miei sogni, posso sentirti. Posso sentire la tua mano sulla mia spalla destra quando sono nei guai o mi sento giù. Sei sempre venuto da me." Ho pronunciato con una voce piena di speranza... Sperando che questo non fosse un sogno.

È morto quando ero così giovane. Avrei voluto avere più tempo. Avrei voluto che fosse vivo durante la mia adolescenza. I suoi consigli e la sua guida sarebbero stati un tesoro per me.

"Mi hai tenuto in vita per tutti questi anni. Hai sempre pregato per me. Mi hai chiamato quando i miei figli morivano perché li accogliessi. Nelle tue preghiere mi hai chiesto di intercedere per te presso nostro Signore. Sono così orgoglioso dei tuoi successi e della donna che sei diventata". Dichiarò con orgoglio.

"Perdonami. Ho trattenuto la tua anima qui sulla terra invece di lasciarti andare?" gli chiesi preoccupata.

"No, bambina mia. Sono andato avanti. Non preoccuparti. La mia anima è in pace. Ora sono un soldato nell'esercito di nostro Signore e il mio compito è prendermi cura di te. Avevi ragione, sono davvero il tuo angelo custode." Dichiarò e chiese: "Sai che noi, angeli, siamo soldati, vero?"

"Sì, certo, gli angeli sono soldati e gli arcangeli sono generali dell'esercito di Dio! Ma tu sarai sempre il mio tenente!" Ho risposto ma poi ho guardato perplessa: "Non vengono assegnati angeli custodi quando nasce un bambino? Sei morto quando avevo sei anni e mezzo... che fine ha fatto l'angelo assegnato a me?"

Rise, "Mia cara bambina come hai detto sono un tenente e il tuo angelo custode era un soldato, quando ti ho visto piangere per me dopo la mia morte ho chiesto di cambiare posto con lui; e poichè qui il nostro superiore conosce tutte le anime, sia dei vivi che dei morti, sapeva che eri una piantagrane piuttosto testarda; riteneva che avessi bisogno di qualcuno che potesse gestirti e guidarti correttamente lungo la strada giusta." Disse seriamente e poi mi fece l'occhiolino.

"Perché mi hai portato in questo particolare momento e luogo, nonno?" Volevo sapere perché aveva scelto questo particolare evento nella sua vita.

Sorrise e poi spiegò: "Ci sono certe foto di me che ti piacciono maggiormente e quelle di me che indosso l'uniforme sono le tue preferite. Ma quella che mi retrae a riposo sotto il sole sul ponte di questa nave è quella che ti piace di più." Inoltre, è giugno, nessuno dei tuoi genitori è ancora nato. Tuo padre nascerà questo agosto e tua madre tra sei anni."

"Mi sono sempre chiesta, perché indossi la tua uniforme su questa nave che non appartiene alla Marina Militare Italiana?" l'ho interrogato.

"Presti sempre attenzione ai minimi dettagli. Questa è una delle cose che mi piacciono di più di te. Questa è una nave commerciale ma è usata dal governo. Sono in congedo. Vado a trovare mia moglie." Lui ha spiegato. "Andiamo in coperta, poi riposiamo al sole su quelle sdraio che ti piacciono tanto e facciamo due chiacchiere!"

Uscimmo dall'infermeria e salimmo sul ponte. Il ponte sembrava così familiare, il luogo in cui è stata scattata quella foto vicino alla scialuppa di salvataggio con il nome della nave 'Sannino - Genova' e la sedia a sdraio. L'unica differenza con l'immagine era che non era in bianco e nero.

La prima cosa che ho fatto prima di sedermi al sole è stata di abbracciarlo, anche lui ha abbracciato me. Ci siamo persi in un lungo abbraccio affettuoso. Ne avevo davvero bisogno. Mi ha baciato la fronte e ho dovuto trattenere le lacrime che volevano scappare dai miei occhi. È stato un momento molto travolgente. Ci sedemmo.

Mi ha tenuto le mani tra le sue per farmi sentire più a mio agio. Mi ha parlato con voce molto gentile: "Volevo vederti. So che è insolito, la nostra connessione è molto rara. Sono preoccupato per te. Sognavi così tanto di avere una famiglia quando eri una bambina, ma rimani ancora single, non hai ancora avuto figli. Puoi ancora realizzare il tuo sogno. Devi affrontare le tue paure. So che i tuoi genitori non sono esattamente il miglior esempio di una coppia felice, ma tu stai sprecando la tua vita a causa delle tue paure, devi lasciar andare il passato e abbracciare il futuro. Puoi ancora incontrare un brav'uomo e se non puoi avere un bambino puoi ancora adottarne uno. Voglio che tu sia felice!"

Abbiamo camminato sul ponte e ci siamo abbracciati a lungo mentre lui mi accarezzava i capelli. "Ora devi tornare e vivere una vita felice. Ricorda che sarò sempre con te!" Dopo aver detto queste parole, mi ha salutato con un bacio.

Mi sono svegliata nella mia camera da letto, mio fratello mi teneva la mano. Mi disse che ero svenuta e che, priva di sensi, chiamavo un tenente. Non gli ho detto del mio incontro con nostro nonno Narciso. Ha sempre voluto avere tanti nipoti. Ero la sua terza nipote, mio fratelo era il promo nipote. Era un uomo molto religioso, affascinato dai cavalieri templari, tenente dell'esercito italiano durante la seconda guerra mondiale, un uomo molto intelligente.


06 Eylül 2023 22:41 3 Rapor Yerleştirmek Hikayeyi takip edin
3
Sonraki bölümü okuyun Vivere in un sogno senza fine

Yorum yap

İleti!
Gino Listorti Gino Listorti
Lei é una donna brava!
September 29, 2023, 20:01
Luiz Carlo's Luiz Carlo's
La cultura non guasta mai, è essenziale! Come devo tradurre per leggere, ho letto un breve estratto.. Complimenti per il tuo lavoro... È sempre un orgoglio vedere un tale sforzo... Felicitazioni 👏🏾 👏🏾 👏🏾
September 07, 2023, 00:20

~

Okumaktan zevk alıyor musun?

Hey! Hala var 2 bu hikayede kalan bölümler.
Okumaya devam etmek için lütfen kaydolun veya giriş yapın. Bedava!